in

Ucraina, 11 forcing fighters italiani uccisi da militari russi

Undici ‘foreign fighters’ di nazionalità italiana sarebbero rimasti uccisi sul campo di battaglia in Ucraina in operazioni contro le forze russe. Gli italiani farebbero parte di un’unità di 60 “mercenari” connazionali schierati con Kiev, con 10 di loro già rientrati in patria.

La comunicazione sarebbe arrivata da Mosca all’Italia, stando a quanto scrive il Corriere della sera, secondo cui il ministero della Difesa russo ha fatto pervenire questa informazione a Palazzo Chigi attraverso canali diplomatici.

QUI TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SUL CONFLITTO RUSSIA UCRAINA

Nell’articolo del Corriere della Sera si specifica che non si conoscono le identità dei deceduti, né le località dove avrebbero perso la vita. Le informazioni non hanno trovato finora nessuna conferma ufficiale da parte delle autorità italiane. Fino a questo momento, l’unico connazionale deceduto in Ucraina di cui si è avuto notizia è stato Edy Ongaro, un 46enne veneziano rimasto ucciso alla fine di marzo da una bomba a mano mentre combatteva con le milizie separatiste filo-russe del Donbass.

Articolo Ucraina, 11 forcing fighters italiani uccisi da militari russi su Live Sicilia.

What do you think?

Written by redazione

Covid, continuano ad aumentare i casi di reinfezione: ecco chi rischia

La polemica, Cuffaro: “Mai immaginato di stare con De Luca”