in

Sottil: «Ripartiremo ancora più carichi dopo la sosta»

Sottil: «Ripartiremo ancora più carichi dopo la sosta». Le parole del calciatore della Fiorentina

Riccardo Sottil ha parlato ai microfoni Radio Sportiva dell’avvio di stagione. Ecco le parole del calciatore della Fiorentina:

«Abbiamo giocato tanto, dopo diversi anni abbiamo centrato l’Europa dopo la scorsa annata, fantastica. Si gioca ogni tre giorni e ci sono tante gare ravvicinate. Abbiamo passato i preliminari di Conference, disputando grandi gare anche con Juve e Napoli oltre alla Cremonese. Poi purtroppo molto spesso non abbiamo concretizzato, adesso però c’è la pausa delle nazionali, che ci dà il tempo di recuperare e ripartiremo ancora più carichi».

ITALIANO – «Tanti hanno fatto sempre questa domanda a me e ai compagni. È vero che spesso non siamo riusciti a concretizzare, ma fa parte del calcio. Però delle volte abbiamo anche avuto sfortuna, vedi la gara contro la Juventus. In altre circostanze sviluppiamo bene, arriviamo là davanti e non concludiamo. Però bisogna stare sereni e concentrati, poi i gol arriveranno sicuramente. E anche tanti».

VITTORIA CONTRO IL VERONA – «Un gran segnale, non eravamo obbligati a vincere ma dicevamo che era una partita in grado di spezzare questa catena di non vittorie intrapresa. Abbiamo portato a casa il successo davanti alla nostra gente e quando hai i tuoi tifosi che ti sostengono è più bello. Abbiamo fatto una buona gara contro il Verona, si tratta di partite mai facili da preparare. Ora possiamo respirare e ricaricare le energie: quella col Verona è stata una ciliegina sulla torta che era fondamentale prima della sosta».

K.O. CON IL BASAKSEHIR – «Mancavamo da anni in Europa e quando sei la Fiorentina dopo un po’ che non giochi su certi palcoscenici hai voglia di rientrarci. Vi ricordo che qualche anno fa i viola erano in Champions. Abbiamo passato anni difficili, però lo scorso è stato quello della svolta: la serata a Istanbul può capitare, dobbiamo archiviarla. Siamo ancora in gioco, abbiamo le qualità per andare avanti tantissimo. Ripartiamo subito».

NAZIONALE – «Fin da piccolo è il mio sogno, sono cresciuto coi Mondiali del 2006, ho fatto la trafila in Under 21, poi mister Mancini mi ha convocato in prima squadra quest’estate ma ho avuto dei problemi fisici e sono tornato subito a casa. Sono però sicuro che ci saranno altre occasioni, è normale che il sogno mio e non solo sia quello di esordire in azzurro nella Nazionale A».

SOTTIL – «Non ho più 18 anni, inizio ad averne 23. Quindi è chiaro che ogni anno che passa diventi più maturo. Ci tengo a far bene qui, perché ci sono cresciuto: sono partito col piede giusto e sono soddisfatto, ma penso ad affrontare partita dopo partita al massimo. Ho un mister che mi sta aiutando, c’è un grande gruppo e grande sintonia coi compagni. Quando è così hai voglia di dare sempre di più. Siamo solo a inizio campionato, ci aspetta una lunga stagione».

RISULTATI DEL PAPA’ ALL’UDINESE – «Ci sentiamo sempre, oltre il calcio però c’è anche altro di cui parlare. Anche se è la nostra passione non parliamo solo di calcio sennò anche mia mamma non ne può più. Sono felicissimo per lui, penso se lo meriti, è un grande allenatore, ha una passione maniacale e si dedica al calcio h24. Non sono sorpreso dei suoi risultati, spero possa continuare così».

COPPIA CON VLAHOVIC – «Abbiamo avuto la fortuna di ritrovarci in prima squadra, oggi lo sono con Ranieri e Cerofolini. Quando parti ragazzino e ti ritrovi nello spogliatoio della Serie A è una bella emozione. Con Dusan in realtà non abbiamo mai giocato insieme, lui è un 2000 e io un ’99, comunque non devo dire certamente io chi è Vlahovic. Poi ognuno prende le sue scelte e non bisogna mettere bocca nelle decisioni altrui. È un bravissimo ragazzo, si è sempre comportato bene».

L’articolo Sottil: «Ripartiremo ancora più carichi dopo la sosta» proviene da Calcio News 24.

What do you think?

Written by Mattia Delia

Viaggia come le star: il trucco per accedere ai lounge in aeroporto che nessuno conosce

Quando si dice: “un’auto da battaglia” Questo modello Peugeot non si era mai visto prima