in

Società Sportiva Cosmos, ecco le prime dichiarazioni di Zulli e Cucchi da neo gialloverdi

SAN MARINO – Durante la finestra estiva di calciomercato a San Marino sono stati acquistati dalla Società Sportiva Cosmos anche Riccardo Zulli, seconda punta e ala offensiva, e Alessandro Cucchi, terzino di spinta e all’occorrenza anche ala offensiva e trequartista. Andiamo a conoscere insieme e meglio i due calciatori italiani approdati al club di Serravalle.

Zulli, classe 2000, ha giocato finora sia in Italia (alla Giana Erminio in serie C prima, alla Tritium in serie D poi) che a San Marino (La Fiorita, con cui ha vinto il Campionato Sammarinese e la Supercoppa Sammarinese) segnando in totale una cinquantina di gol.

Ecco le sue prime dichiarazioni da nuovo giocatore della Cosmos: “Sono molto contento di essere in questo gruppo e per il progetto sportivo. Conosco già la maggior parte dei miei compagni e anche lo staff tecnico, quindi la mia scelta è stata dettata anche dalla loro presenza nella Cosmos. Ora tocca a noi giocatori far subito gruppo per poter sfruttare al meglio le nostre qualità in ogni partita!”.

Cucchi, classe 2000 anche lui, cresciuto nelle giovanili del Cesena, ha giocato finora sempre in Italia con il Diegaro in Eccellenza Emilia Romagna, la Nuorese in Eccellenza sarda (con cui ha vinto una Coppa Italia Dilettanti) e il Bra in serie D – campionato Piemonte.

Il nuovo duttile giocatore della Cosmos afferma: “Sono venuto alla Cosmos perché il ds Alcerati mi ha corteggiato per due mesi e non potevo dirgli di no. Per il fatto poi che solitamente Alcerati va solo in squadre che lavorano bene e puntano a vincere, sentivo il bisogno di far parte di una società seria e ambiziosa quale è la Cosmos”.

L’articolo Società Sportiva Cosmos, ecco le prime dichiarazioni di Zulli e Cucchi da neo gialloverdi sembra essere il primo su Emilia Romagna News 24.

What do you think?

Written by Roberto Di Biase

Riaperto il percorso naturalistico di palude Vuarbis: l’inaugurazione

Pamela, l’infermiera campionessa di boxe è cittadina italiana: “Ora posso dire che questa è casa mia”