in

Primo maggio, a Lipari manifesti “Cercasi schiavo”

CATANIA – Il centro storico di Lipari è stato tappezzato per il primo maggio di manifesti con la scritta “Cercasi schiavo”. Un messaggio provocatorio, nel giorno della Festa del Lavoro, per denunciare presunte violazioni contrattuali nel settore turistico.

Nel manifesto si legge: “Per la stagione estiva 800 euro al mese, 10 ore al giorno, no tfr. Contratto irregolare o stipendio a nero. Giorno libero? Ah ah … Gli interessati sono invitati a confrontarsi con i loro colleghi, ad attivare solidarietà, a organizzarsi e a far valere i propri diritti. Buon Primo Maggio”.

Agli ignoti autori del manifesto replica Maurizio Cipicchia, presidente di Assoimprese Eolie: “Stamane svegliandoci, abbiamo visto i muri del nostro paese tappezzati da manifesti abusivi, in quanto non conformi alla normativa sulle affissioni, dal titolo ‘Cercasi Schiavo’ ove gli autori evidenziano: la proposta irregolare di contratti di lavoro, il lavoro in nero ect… Sarebbe stato più opportuno ed onesto, senza trincerarsi nell’anonimato, avere il coraggio di denunciare agli organi competenti, che hanno da sempre effettuato i dovuti controlli, in tal senso, e verbalizzato le irregolarità riscontrate, compreso quanto indicato nel manifesto”.

Articolo Primo maggio, a Lipari manifesti “Cercasi schiavo” su Live Sicilia.

What do you think?

Written by Redazione

Camere di commercio, la guerra continua tra Tar e ricorsi

Palermo, il malumore di Cascio e la ‘tentazione’ del ritiro