in

Gratta e vinci, quando la fortuna si ‘accanisce’: è successo qualcosa di incredibile

Una storia che ha dell’incredibile, una vicenda che arriva all’improvviso a scuotere la curiosità e l’invidia, certo di milioni di giocatori.

Il gioco di questi tempi sembra essere diventato l’ultimo appiglio per chi sogna di sfidare in qualche modo la sorte. Oggi più che mai, considerato quello che succede intorno a noi, il gioco è diventato forse l’unica speranza per milioni e milioni di cittadini schiacciati dal peso di una crisi feroce che non lascia scampo e che nel prossimo futuro non perderà forza, purtroppo.

Foto © AdobeStock

La sorte, quando ci si mette è capace di sconvolgimenti ben poco ordinari. Ci troviamo in questa fase, cosi come anticipato, di fronte ad una situazione, ad una condizione forse senza precedenti. La consapevolezza di non riuscire a venire fuori in maniera autonoma da un solco scavato da una crisi profonda e sfacciata può portare il cittadino a cercare la propria fortuna altrove. Il gioco, l’unica arma, sempre utilizzata con la dovuta moderazione in mano a chi oggi cerca riscatto.

Quale altro mezzo, strumento, dinamica, è capace oggi di rendere ricco, più o meno certo, dipende dalla vincita relativa, un cittadino. Pochi minuti per scoprire se la tua vita può finalmente prendere una direzione diversa. Il concetto stesso del Gratta e vinci insomma, pochi minuti da quanto il biglietto viene acquistato fino a quanto l’esito della “grattata” può ritenersi ufficiale. Pochi minuti e la vita di chiunque può cambiare, cosi all’improvviso.

Quello che è accaduto in provincia di Lucca, in località Sant’Anna ha dell’incredibile. La dimostrazione pura e semplice che la fortuna decide ogni cosa, se accanirsi, se accarezzare lievemente un giocatore, se ignorarlo del tutto. Oggi più che mai alcuni elementi fanno arrivare alla conclusione, ovvia, certo, che non esiste alcuna regola, alcuna dinamica prevedibile, niente di niente. Si vince o si perde, punto. Nient’altro da segnalare.

Gratta e vinci, quando la fortuna si accanisce il bis è una formalità: doppia vincita a Sant’Anna

Il fatto, incredibile per davvero, bizzarro certo, forse è proprio cosi, si è verificato in quel di Lucca,  precisamente a Sant’Anna presso l’edicola Bertolucci di via Puccini. Non una vincita ma ben due affermazioni una dietro l’altra. Una vicenda, insomma davvero incredibile, difficile da immaginare. 1000 euro al primo biglietto, premio di certo da considerare importante, soprattutto di questi tempi. Per fortuna però per il fortunato in questione non è tutto.

Pochi minuti ed ecco la seconda vincita, stavolta molto più consistente, 7mila euro. Il fortunato in questione, alla fine della giornata ha portato a casa la bellezza di 8mila euro in circa mezz’ora. Se non è accanimento questo, da parte della dea bendata, si intende. Il tutto si è verificato nel pomeriggio della giornata di ieri. Due biglietti richiesti dall’uomo, il fortunato in questione, 20 euro investiti, per cosi dire, in tentata fortuna. Alla fine l’investimento è risultato più che vincente. Quello che è successo dopo pochi istanti dalla seconda affermazione può essere descritto con una sola parola: festa.

Urla, baci e abbracci in un clima di pura festa. La condivisione di un momento tanto importante, il prestigio susseguente per l’edicola in questione, che di certo grazie ai fatti di ieri avrà acquisito una notorietà ed una vetrina niente male. L’operaio protagonista della vicenda ha rilasciato anche una serie di dichiarazioni dopo aver praticamente sbancato al Gratta e vinci. “Comprerò un regalo a mia moglie e ai miei figli e poi faremo un viaggio tutti insieme a Natale”. Le intenzioni insomma sono più che buone. In un momento tanto difficile una tale soddisfazione non può che illuminare i volti e l’animo di chi diventa protagonista di una vera e propria impresa. Il gioco, per fortuna, è anche questo.

L’articolo Gratta e vinci, quando la fortuna si ‘accanisce’: è successo qualcosa di incredibile proviene da ContoCorrenteOnline.it.

What do you think?

Written by Paolo Marsico

Alfa Romeo Giulia: nuova fornitura di unità alla Polizia di Stato

Alfa Romeo Giulia: nuova fornitura di unità alla Polizia di Stato

Se continua così il riso sparirà dagli scaffali. E il pane sarà un lusso