in

Export: il crollo dell’automotive trascina l’Abruzzo in coda alla classifica nazionale

Un Abruzzo in controtendenza negativa rispetto alla media nazionale fanalino di coda nella classifica regionale dell’export: si paga, e molto, la flessione del settore dell’automotive

Lo rileva lo studio realizzato per la CNA Abruzzo da Aldo Ronci, secondo cui nel primo semestre del 2022 l’export abruzzese ha subìto una perdita di 40 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con 4.642 milioni di euro contro i 4.682 milioni di un anno fa. Un dato che, sempre secondo l’analisi di Ronci, vale in percentuale una flessione dello 0,8%: contrariamente a quanto accade a livello nazionale dove, invece, le esportazioni navigano con il vento in poppa, forti di un incremento a doppia cifra del 22,5%. Quanto basta, insomma, per finire al penultimo posto della graduatoria tra le regioni.

Pesa e molto il crollo dell’automotive, storico punto di forza delle nostre esportazioni, e per questo inevitabilmente destinato, a seconda dei momenti, a trasformarsi in croce o delizia. Andamento che stavolta segna “croce” senza dubbio, vista la perdita di 599 milioni rispetto al 2021 per il comparto, mentre tutto “il resto del mondo” è stato invece capace di aumentare la propria dotazione di ben 559 milioni. Performance che non ha impedito di contare le perdite: da qui, insomma, la flessione di 40 milioni di cui si è detto.
Tra i settori che, invece, hanno avuto un buon risultato spiccano soprattutto i prodotti farmaceutici (121 milioni in più), seguiti dai prodotti chimici (+100), in metallo (+87), in gomma e plastica (+74), dal tessile e abbigliamento (+66) e dalle apparecchiature elettriche (+30). Dati che, tradotti sul piano territoriale, significano accanto alla ovvia caduta del Chietino, patria dell’automotive, i buoni risultati delle province dell’Aquila (+159 milioni), di Teramo (+168) e in misura più ridotta di Pescara (+40).
Questi numeri preoccupano ovviamente anche il mondo della micro e piccola impresa e dell’artigianato, spesso collegato alle grandi filiere dei settori produttivi portanti, che chiede un sostegno per poter competere sui mercati internazionali: «Nel programma che abbiamo sottoposto all’attenzione delle forze politiche in occasione delle elezioni di domenica – sottolinea il presidente regionale di CNA Abruzzo, Savino Saraceni – abbiamo dedicato un capitolo proprio all’export, un tema che si adatta pienamente al caso abruzzese, dove i dati del semestre dicono che le nostre piccole imprese, per competere fuori dai nostri confini, hanno bisogno di politiche di sostegno» .
Quali, allora, le proposte della CNA nel merito? Risponde ancora Saraceni: «Chiediamo di sviluppare nuove strategie e nuovi strumenti di promozione per identificare occasioni, eventi; magari usando canali di comunicazione anche digitali, in cui le micro, piccole e medie imprese possono avvicinarsi. Ma chiediamo anche di rinnovare programmi di informazione sulle opportunità offerte dal Sistema Paese per favore dell’internazionalizzazione, come pure di proseguire e consolidare i programmi di collaborazione con figure professionali qualificate, che consentano alle Pmi di consolidare la propria presenza internazionale».

L’articolo Export: il crollo dell’automotive trascina l’Abruzzo in coda alla classifica nazionale proviene da Rete8.

What do you think?

Written by Barbara Orsini

A Lagopesole il corteo storico “Alla corte di Federico II”

Equinozio d’autunno, perché quest’anno cade il 23 e non il 21? Scoprilo con alcune frasi a tema