in

Arthur Hayes prevede $ 5.000 Ethereum entro marzo 2023

L’ex CEO di BitMEX Arthur Hayes afferma di aspettarsi che Ethereum raggiunga $ 5.000 entro la fine del primo trimestre del 2023.

La sua stima si basa su una doppia aspettativa che la Federal Reserve “girerà” e che l’aggiornamento di Merge avrà successo, entrambi i quali rafforzeranno il prezzo della seconda criptovaluta più grande.

Dollaro inflazionistico, ETH deflazionistico

Come ha spiegato il co-fondatore nel suo ultimo post sul blog , Ethereum produrrà probabilmente un rendimento maggiore rispetto a Bitcoin per il resto del 2022.

Sebbene un pivot della Fed avrebbe probabilmente un effetto rialzista su tutti i prezzi degli asset, la fusione rappresenta un evento specifico di Ethereum che, a suo avviso, “avrà un impatto incredibilmente potente sul prezzo di ETH”.

The Merge è un aggiornamento tanto atteso di Ethereum che trasformerà il meccanismo di consenso della rete da proof of work a proof of stake. Ciò significa che i minatori di Ethereum saranno resi obsoleti, mentre i detentori della criptovaluta potranno guadagnare rendimento mettendo in staking le loro partecipazioni.

Sebbene l’obiettivo principale dell’aggiornamento sia aumentare l’efficienza energetica di Ethereum, si prevede anche di ridurre del 90% il tasso di emissione di forniture di Ether. In combinazione con un ecosistema in crescita di utenti che bruciano costantemente ETH attraverso le commissioni di transazione, Hayes ritiene che l’aggiornamento stesso “aumenterà esponenzialmente il prezzo di Ether”.

The Merge ha subito ritardi a causa di complicazioni tecniche per anni, ma gli sviluppatori ora sono fiduciosi che avverrà entro il 19 settembre.

Anche Hayes crede che questa volta sia reale, poiché i minatori di Ethereum stanno effettivamente iniziando a preoccuparsi della sua realtà. In effetti, l’ex CEO ha affermato di aver contattato più membri della comunità mineraria cinese di Ethereum che stanno pianificando di orchestrare un hard fork che continua a utilizzare la prova del lavoro.

“I minatori non si imbarcherebbero in questo viaggio e spenderebbero un prezioso capitale politico all’interno della comunità se non credessero che la fusione sarebbe avvenuta nei tempi previsti”, ha affermato.

La Fed girerà

La Federal Reserve ha perseguito per mesi una politica monetaria aggressiva nel tentativo di regnare in un’inflazione CPI record. La sua azione ha ampiamente contribuito a un selloff sia sui mercati azionari che su quelli delle criptovalute.

Hayes ritiene che è molto probabile che la Fed inverta questa tendenza entro pochi mesi e torni alla stampa di denaro per proteggere la salute dell’economia.

Nonostante la bassa disoccupazione, l’economia è già entrata in una recessione a causa di due trimestri consecutivi di crescita negativa del PIL. Inoltre, gli americani sono diventati ancora più pessimisti sullo stato dell’economia rispetto alla pandemia di covid.

“Combattere l’inflazione richiede l’aumento del PREZZO del denaro (USD) e la diminuzione della QUANTITÀ di denaro”, ha spiegato. “La ricetta per un’economia americana “sana” richiede l’esatto opposto”.

Hayes ha affermato in un precedente post sul blog che gli Stati Uniti avrebbero anche bisogno di indebolire la propria valuta sia nei confronti dell’euro che dello yen per proteggere l’economia internazionale.

What do you think?

Written by Cubo Di Tungsteno

Formula 1 | Piastri verso la McLaren: Ricciardo ad un passo dall’addio

Pasta estiva calda o fredda: 25 idee veloci e gustosissime