in

AA Wireless festeggia compleanno e Black Friday con uno sconto

Chi ci segue da qualche tempo conoscerà senz’altro AA Wireless (qui trovate la nostra recensione), l’adattatore che, come suggerisce il nome, permette di usare Android Auto Wireless anche su auto che non lo supportano.

Il progetto era nato su Indiegogo nel 2020, e dopo sei mesi di gestazione era evoluto, limando i problemi e trasformandosi in un vero e proprio gioiello, che a distanza di due anni ci permette di apprezzare il meglio dell’interfaccia per veicoli di Google.

Offerte Amazon

Il concetto di AA Wireless è molto semplice. Avete un’auto che permette di usare Android Auto solo via cavo? Accendete l’auto, collegate il dispositivo, di dimensioni estremamente ridotte (5 cm per lato), alla porta USB a cui normalmente attacchereste il telefono e avviate l’app gratuita, che in un attimo assocerà AA Wireless al vostro smartphone.

Da quel momento in poi non dovrete più tirare fuori il cellulare dallo zaino per far partire Android Auto, ma tutto avverrà automaticamente.

AA Wireless, i cui punti di forza sono il prezzo piuttosto contenuto (se rapportato con il mercato), l’estrema facilità di utilizzo e la stabilità della connessione, ha continuato a evolvere. Se all’inizio auto e telefoni compatibili non erano moltissimi, ora il supporto è molto più ampio, e anche l’app è stata completamente rinnovata, oltre al fatto che per comprarlo non dovete più passare da Indiegogo ma c’è uno store ufficiale.

In questi giorni l’adattatore celebra il suo secondo compleanno e il Black Friday con un’offerta che lo rende ancora più appetibile.

Lo sconto, del 10%, porta il prezzo da 89,99 euro a 81 euro. Non certo da urlare al miracolo o all’affare del secolo, ma sufficiente per tentare chi è stufo di armeggiare con il cavo del proprio veicolo e invidia gli amici che posseggono un’auto con Android Auto Wireless

L’articolo AA Wireless festeggia compleanno e Black Friday con uno sconto sembra essere il primo su Androidworld.

What do you think?

Written by Alessandro Nodari

In Ucraina scomparse 15000 persone dall’inizio della guerra

Morning bell: segnali deboli e contrastanti sui mercati