in

25 aprile a Palermo: “Il centrodestra rinneghi il fascismo”

PALERMO – Venticinque aprile nella città che sta per andare al voto. Da sinistra tuona la candidata Rita Barbera, che lancia un messaggio al centrodestra. Miceli, candidato di centrosinistra, in Franco Miceli in corteo con l’associazione nazionale partigiani italiani a Palermo: dal Giardino Inglese fino al teatro Massimo per celebrare la liberazione del 25 aprile.

“L’anniversario della Liberazione del 25 aprile è l’occasione per fare memoria attiva delle lotte e dei sacrifici degli uomini e delle donne che hanno contribuito a cambiare l’Italia e a liberarla dal fascismo”, dice Franco Miceli, in corsa per palazzo delle Aquile sostenuto dai movimenti civici e dalle forze politiche di Pd, M5s e Sinistra civica ecologista. “E la memoria attiva non si limita alle celebrazioni, deve essere l’affermazione di un preciso impegno e di una precisa responsabilità che assumiamo nei confronti della comunità. L’importanza del 25 aprile è quindi da ritrovare nelle scelte che si operano nel quotidiano senza nessuna opacità: o si sta da una parte o si sta dall’altra. E noi siamo inequivocabilmente dalla parte opposta rispetto al fascismo, alle destre e al populismo”, attacca Miceli. “Mi piace ricordare in questa occasione le parole pronunciate da Pio La Torre pochi giorni prima di essere ucciso, “Ora tocca a noi”. Le prendo in prestito per sottolineare la necessità di impegnarsi oggi come ieri e di assumersi le responsabilità del risultato”, e conclude “Questo è l’approccio che rivendico, che trova cittadinanza nella coalizione che mi sostiene e che troverà la sua linea di concretezza nel Patto per Palermo”.

Rita Barbera: «I partiti del centrodestra, anche attraverso i loro candidati Sindaco, rinneghino il fascismo e le dittature»

Nel giorno della celebrazione del 25 aprile il centrodestra, che continua a non trovare un candidato unico a causa di vecchi rancori non ancora sopiti risalenti alle precedenti elezioni europee, prosegue a contrattare la candidatura per il Sindaco di Palermo con la scelta del prossimo Presidente regionale. Il candidato Cascio, espressione dei centristi di “Noi con l’Italia” e “Forza Italia” ma anche della “Lega – Prima l’Italia”, presenta la sua candidatura e, contestualmente, annuncia un abbinamento obbligato, un programma che ancora non c’è e, forte della sua laurea in medicina, definisce Palermo un “malato terminale” ma non accenna alla “cura” necessaria che pur fa parte del suo slogan.

«Non posso che guardare con disappunto alla decisione di una parte del centrodestra – dichiara Rita Barbera – di candidare Francesco Cascio che porta in dote come vicesindaco Alberto Samonà, attuale “Assessore dei beni culturali e dell’identità siciliana” del fallimentare governo regionale targato Musumeci, il quale si è distinto per la sua prossimità a un pensiero che è bandito dalla Costituzione arrivando a scrivere, nel suo libro di poesie “Le colonne dell’eterno presente”, versi in onore delle Schutz-Staffeln, ovvero le SS, da lui definite “Guerrieri della luce generati da padre antico e dalla madre terra. Nel sacrificio dell’ultima Thule. Monaci dell’onore.”».

«È più che mai necessario – prosegue Rita Barbera – che i partiti del centrodestra, anche attraverso i loro candidati Sindaco, rinneghino il fascismo e le dittature ed evitino, pur di vincere, di candidare nelle loro liste personaggi che hanno dimostrato prossimità con tale pensiero».

Articolo 25 aprile a Palermo: “Il centrodestra rinneghi il fascismo” su Live Sicilia.

What do you think?

Written by Redazione

Bombe ucraine su città russa: si teme escalation VIDEO

Palermo, boato nella notte: vetrina squarciata di una gioielleria